ARTICOLI

Perché scegliere le facciate ventilate per il rivestimento degli edifici

Facciate

Perché scegliere le facciate ventilate per il rivestimento degli edifici

18 mar, 2021

Le facciate ventilate sono la risposta a chi vuole innovare i rivestimenti degli edifici.

Sceglierle significa favorire la progettazione e la costruzione di fabbricati in linea con le richiesta di efficientamento energetico, incoraggiando quindi le logiche della green sustainability.

Allo stesso tempo, le facciate ventilate contribuiscono al miglioramento estetico degli edifici, aumentandone dunque anche il valore immobiliare.

Si tratta però soltanto di alcuni dei vantaggi assicurati da questa innovazione tecnologica.

Il seguente approfondimento ti permetterà di capire a fondo perché conviene scegliere le facciate ventilate per il rivestimento degli edifici e perché la tecnologia Isopan è ampiamente affidabile.

 

Facciate ventilate, cosa sono?

La facciata ventilata prevede una messa in opera a secco che consiste nell’assemblare meccanicamente i vari componenti garantendo pulizia, rapidità di posa e possibilità di smontaggio di ogni singolo elemento di rivestimento.

Le pareti ventilate sono progettate per dare luogo nell’intercapedine ad un flusso d’aria generalmente ascendente, azionato naturalmente dal gradiente termico tra la temperatura in intercapedine e quella dell’aria in ingresso. 

Tale fenomeno prende il nome di effetto camino e garantisce nella stagione calda la riduzione del carico termico entrante e nella fredda il controllo delle perdite energetiche, dei flussi e dei tassi di vapore d’acqua.

Tale tipologia di facciata può essere applicata a:

  • Edifici di nuova costruzione;
  • Riqualificazioni/restaurazioni dell’involucro esterno (implementazioni delle prestazioni igro-termiche) 

SCARICA IL CONTENUTO

 

Metodi costruttivi delle facciate ventilate

I metodi costruttivi delle facciate ventilate prevedono un sistema formato da più elementi. Si tratta dunque di una tecnica costruttiva multistrati, in cui i vari elementi sono montati a secco.

Nel dettaglio, i metodi costruttivi delle facciate ventilate prevedono:

  • Strato isolante;
  • Struttura portante;
  • Intercapedine;
  • Rivestimento esterno.

Vediamo nel dettaglio le caratteristiche di questi elementi.

 

Strato isolante

Lo strato isolante va applicato direttamente sulla superficie esterna dell’edificio. Esso può essere composto da pannelli sandwich in schiuma poliuretanica o lana minerale, che assicurano ottimi standard di isolamento termico.

Oltre a garantire tenuta termica, lo strato isolante assicura resistenza al fuoco e affidabilità nel tempo.

 

Struttura portante

La struttura portante ha il compito di permettere l’assemblaggio della facciata ventilata e di portarne il peso. Viene applicata a sbalzo sulla parete esterna del fabbricato, mediante l’utilizzo di staffe, traverse o montanti. 

Può essere realizzata in alluminio o in acciaio inox.

Definito il quadro generale della metodologia di costruzione delle facciate ventilate, passiamo ad analizzare i singoli elementi compositivi.

 

Intercapedine 

L’intercapedine costituisce l’essenza delle facciate ventilate. Essa garantisce il flusso dell’aria, favorendo quell’effetto camino che reca benefici in termini di efficienza energetica.

Solitamente misura tra i 4 e i 8 cm. In sede di costruzione della facciata ventilata è opportuno verificare l’assenza di ostacoli al libero passaggio dell’aria, che potrebbero compromettere i vantaggi relativi a questo sistema di costruzione a secco.

 

Rivestimento esterno

Vari possono essere i materiali che compongono il rivestimento esterno di una facciata ventilata, ognuno dei quali risulta apprezzabile per il pregio estetico. 

In ogni caso, è fondamentale che il materiale della facciata sia impermeabile ed ignifugo.

Inoltre, esso deve assicurare resistenza agli agenti atmosferici, facilità di manutenzione e affidabilità nel tempo.

 

Vantaggi delle facciate ventilate

I vantaggi di prevedere le facciate ventilate in un edificio sono molteplici e così riassumibili:

  • Efficienza energetica: come specificato in precedenza, le facciate ventilate garantiscono isolamento termico sia dal freddo che dal caldo, comportando di conseguenza risparmi di energia;
  • Ecosostenibilità: l’attitudine a garantire risparmi energetici si traduce in un minor impatto ambientale. Aspetto fondamentale di cui progettisti e costruttori devono tenere costantemente in considerazione;
  • Isolamento acustico: il sistema multistrati delle facciate ventilate è l’ideale per assorbire i rumori provenienti dall’ambiente esterno. Questo implica una riduzione dell’inquinamento acustico, con conseguente aumento del livello di comfort all’interno dell’edificio;
  • Facilità di manutenzione: la posa dei pannelli è effettuata in modo tale da garantirne praticità di ispezione. Inoltre, lo strato isolante resiste agli agenti atmosferici grazie alla protezione fornita dal rivestimento esterno;
  • Miglioramento estetico: progettisti e costruttori possono scegliere tra l’ampia varietà di materiali che compongono il rivestimento esterno. In questo modo, è assicurata la migliore estetica del fabbricato, tenuto conto anche del contesto in cui esso è situato.

 

 

Se invece vuoi sapere come vengono realizzate e applicate le facciate ventilate, scarica il nostro ebook:

SCOPRI DI PIÙ SULLE FACCIATE VENTILATE

Scritto da

Ester Caldana
Ester Caldana

Architetto laureata presso il Politecnico di Milano, lavora nell'ufficio tecnico di Isopan collaborando con numerosi studi di architettura e progettazione per ricercare, sviluppare ed implementare le soluzioni più idonee alle loro esigenze.

Vai alla scheda dell'autore

Iscriviti alla newsletter

Lascia i tuoi dati per restare aggiornato sui prodotti, i servizi e le attività di Manni Group