ARTICOLI

Manni Green Tech nelle costruzioni a secco: intervista a Claudia Chiti

Costruzione a secco, Manni Green Tech

Costruzioni a secco MGT: intervista a Claudia Chiti

4 ott, 2021

Manni Green Tech è una divisione del gruppo Manni specializzata in edilizia off-site con focus sulle soluzioni a secco. L’industrializzazione e il pre-assemblaggio delle componenti recano vantaggi indiscussi che vanno da tempi e costi certi ad alte performance.

Ce ne parla meglio Claudia Chiti, Direttore dell'International Business Development e dell'Innovazione in Manni Green Tech.

Cos’è Manni Green Tech?

Si tratta di una start-up del gruppo Manni che fornisce soluzioni operative: dall’assistenza alla progettazione ingegneristica e architettonica fino al servizio post-vendita. 

Tali soluzioni sono incentrate sullo studio e sull’uso di sistemi a secco sostenibili, leggeri e di rapida installazione.

Il nucleo è rappresentato dalla struttura in Light Steel Frame - un sistema costruttivo composto da elementi in acciaio formati a freddo - a cui si integra un pacchetto di lastre e rivestimenti che usano il know-how del gruppo: pannelli Isopan, lastre in cartongesso e in fibrocemento a marchio Manni Green Tech, Isolanti, tutti sistemi con certificazioni Manni Green Tech.

Qual è, ad oggi, il panorama delle costruzioni a secco?

Lo scenario dei sistemi a secco è in generale espansione a livello globale sebbene ci siano differenze sostanziali a seconda dei mercati di riferimento.

Si va da mercati molto molto maturi come quello americano, australiano e nord europeo a mercati emergenti, lontani da una penetrazione sensibile, che si stanno lentamente affacciando ai sistemi innovativi, quali i Paesi dell’Africa sub-Sahariana.

Tra questi due estremi si colloca una fetta di mercato intermedia che coinvolge centro Europa, Middle-East e America Latina.

Di fatto assistiamo a un trend di crescita delle costruzioni a secco dovuto ai seguenti fattori:

  • industrializzazione delle componenti e dei processi
  • ottimizzazione delle risorse 
  • riduzione dei tempi di realizzazione. 

Da alcuni anni i mercati più maturi, come anche quelli intermedi, utilizzano l’off-site cioè la prefabbricazione.

Questo sistema costruttivo permette di realizzare edifici modulari e scalabili caratterizzati da leggerezza e semplicità di montaggio.

Particolarità che permettono una facile installazione in cantiere e la progettazione di soluzioni personalizzate.

Quali risultati sta ottenendo Manni Green Tech nelle costruzioni a secco?

Lo studio, la ricerca e lo sviluppo di soluzioni sempre nuove e performanti ha portato, nel tempo, al raggiungimento di risultati ottimali e riconoscimenti internazionali.

Sicuramente ci sono tre grandi risultati conseguiti che meritano di essere citati:

  1. L’evoluzione degli edifici residenziali e turistici.

Da ville singole di uno/due piani a edifici pluripiano. Tale evoluzione coinvolge anche il comparto alberghiero: dal villaggio con edifici diffusi mono-piano a costruzioni che si sviluppano in verticale.

  1. L’internazionalizzazione. 

Manni Green Tech ha scelto l’Italia come mercato di avvio per poi svilupparsi a livello globale. Ci sono diversi mercati oggetto di interesse come la Spagna e l’Africa ed altri in corso di valutazione.

  1. Il progetto CAPSULE.

Si tratta di un progetto innovativo nel campo delle costruzioni modulari in 3D e riguarda un work place che si trasforma nel tempo.

Di fatto è un modulo pre-fabbricato che viaggia su ruote, arriva in cantiere e si monta in pochi giorni. 

Il progetto architettonico è stato curato da il Prisma, l’arredo porta la firma di Lago. Il modulo 3D è fornito di tutte le tecnologie più performanti dal punto di vista energetico, acustico e di sicurezza.

La prima Capsule è stata installata presso il Museo Enzo Ferrari di Modena.

Il progetto è stato realizzato e dunque questo è, di per sé, già un primo risultato. Inoltre è stato anche premiato nell’ambito degli Archiproducts Awards 2020. 

Quali sono gli obiettivi di Manni Green Tech per il futuro?

Il primo obiettivo è continuare a innovare: ci sono grossi e importanti progetti di innovazione sulla modularità, sia 2D che 3D. 

Le innovazioni nel campo 2D riguardano i sistemi di facciata e involucro.

Quelle in campo 3D si concentrano sull’uso di strutture modulari e scalabili, come Capsule. 

Buona parte dell’innovazione è accompagnata da test e verifiche che sfociano in certificazioni delle performance a garanzia della qualità e dell’affidabilità del gruppo Manni.

Il secondo obiettivo è proseguire sulla strada dell’internazionalizzazione: ciò è possibile se si continua l’espansione nei mercati esteri secondo il trend di potenziamento dei prossimi anni.

Un ottimo esempio di internazionalizzazione avvenuta è un progetto di sistema di facciata modulare ventilata a Abidjan, in Costa d’Avorio, attualmente in fase di realizzazione. 

Perché un progettista dovrebbe scegliere Manni Green Tech?

Manni Green Tech offre un pacchetto completo che supporta il progettista tanto nella parte di struttura quanto in quella di rivestimento e finitura. Questo consente di avere un controllo certificato sulla realizzazione e sulle performance.

Inoltre, avere un unico interlocutore permette di realizzare edifici che non si discostano dal progetto ma che, al contrario, ne restano fedeli.

L’utilizzo dei sistemi a secco e la precisione di un processo industrializzato assicurano anche:

  • Tempi e costi certi
  • Rapidità 
  • Prestazioni antisismiche certificate
  • Alto livello di performance energetiche
Guarda i nostri webinar


Come vedi l’edificio del futuro?

Sarà un edificio necessariamente sostenibile, a partire dalla scelta dei materiali - anch’essi sostenibili - fino al ciclo di vita. È fondamentale che sia capace di trasformarsi nel tempo perché cambiano gli usi e le necessità, sempre nuove e diverse, di chi abita quegli spazi.

Ciò si coniuga con la necessità, sempre più forte, di avere tempi e costi certi nella realizzazione degli immobili.

Questo avvalora ancora di più la scelta dei sistemi leggeri a secco che offrono la possibilità di essere modificati molto più facilmente rispetto ai classici edifici in pietra o muratura.

A una scala più ampia, si tratterà di far convivere le architetture tradizionali - per 2/3 interessate da interventi di recupero e ristrutturazione - con quelle innovative e adattogene.

I trend di mercato, inoltre, testimoniano un crescente focus sulle ristrutturazioni a secco che hanno superato di gran lunga quelle in muratura.

Dal punto di vista architettonico, le finiture disponibili sono tante e tali da rendere le costruzioni perfettamente adattabili al contesto circostante, in modo da preservare la continuità estetica e la tradizione dei luoghi.

Scritto da

Raffaele Bulgarelli - Digital Marketing Expert presso Manni Group
Raffaele Bulgarelli - Digital Marketing Expert presso Manni Group

Raffaele, Digital Marketing Expert di Manni Group, collabora in modo sinergico con Isopan entrando in contatto con il mondo tecnico del pannello sandwich e osservando i trend evolutivi dell’edilizia. Grazie alla formazione in Architettura ha un occhio attento su temi e attività online che coinvolgono i progettisti e gli architetti.

Vai alla scheda dell'autore

Iscriviti alla newsletter

Lascia i tuoi dati per restare aggiornato sui prodotti, i servizi e le attività di Manni Group